sabato 4 luglio 2020

Gli effetti psicologici della chiusura delle scuole: la posizione di Sarah-Jayne Blakemore


Sarah-Jayne Blakemore è professoressa di psicologia e neuroscienze cognitive al Dipartimento di Psicologia dell'Università di Cambridge; è autrice del libro del 2018 Inventare se stessi. Cosa succede nel cervello degli adolescenti.

Blakemore ha continuato la sua attività scientifica durante questi mesi di emergenza ed è molto attiva su twitter per sensibilizzare la comunità e le istituzioni agli effetti psicologici della pandemia sui più giovani. 

Lo scorso 29 giugno ha riassunto la sua posizione in un documento che ho tradotto di seguito e pubblico con il suo permesso.

Il documento si riferisce al contesto del Regno Unito dove alcune scuole primarie hanno aperto agli inizi di giugno in osservanza delle misure di sicurezza.



"29 giugno 2020

  La maggior parte di bambine/i e ragazze/i ha perso almeno dieci settimane di scuola in presenza e molti/e studenti/esse (soprattutto adolescenti) non possono ancora tornare nelle loro classi. Questa situazione ha creato ampie disuguaglianze nell'istruzione, con un gran numero di bambine/i e ragazze/i che non hanno seguito alcuna attività didattica guidata dagli insegnanti. Ciò è dovuto a una serie di fattori, tra cui le disparità nelle risorse e nelle capacità delle scuole di insegnare online. Allo stesso tempo, un numero significativo di studenti non ha accesso adeguato a un computer, a una connessione Wi-Fi o a un ambiente domestico favorevole alla scuola online. I/le bambini/e che erano già svantaggiati/e lo sono diventati ancora di più.

Non andare a scuola non solo priva bambine/i e ragazze/i degli apprendimenti curricolari ma anche di una serie di altre opportunità importanti per il loro sviluppo. Le scuole offrono struttura e opportunità quotidiane per l'apprendimento sociale ed emotivo, il processo decisionale autonomo, la pianificazione, l'autoregolazione, la creatività e l'attività fisica. Il gioco e l'interazione sociale con i coetanei sono cruciali in tutte le fasi dello sviluppo: la chiusura delle scuole e il distanziamento sociale hanno rimosso molte fonti di interazione sociale faccia a faccia dalla vita di bambine/i e ragazze/i.

Per alcuni studenti che hanno una vita familiare tumultuosa, la scuola offre un posto sicuro e le/gli insegnanti possono essere una fonte indipendente di supporto e aiuto. Le/Gli insegnanti svolgono un ruolo cruciale di salvaguardia nell'identificazione dei bambini vulnerabili e nella segnalazione in caso di maltrattamenti, abbandono o abuso, segni di problemi di salute mentale, comportamento criminale o radicalizzazione.

La ricerca del mio laboratorio negli ultimi 18 anni si è concentrata sullo sviluppo del cervello sociale nell'adolescenza.
Le ricerche del mio e di altri laboratori hanno dimostrato l'importanza cruciale dell'interazione sociale e dell'apprendimento sociale nell'adolescenza, che è un periodo delicato dello sviluppo del cervello sociale. L'adolescenza è anche un periodo di vulnerabilità ai problemi di salute mentale e esiste un rischio reale che la mancanza di struttura, supporto, apprendimento socio-emotivo e interazione tra pari dovuti alla chiusura scolastica in corso aggraverà questa vulnerabilità, causando un'emergenza di salute mentale tra le giovani generazioni. È necessario affrontare con urgenza le esigenze socio-emotive e di benessere di bambine/i e ragazze/i.


Bibliografia

Blakemore, SJ. (2019). Adolescence and mental health. The Lancet 393(10185), 2030-2031. 

Blakemore, S-J., & Mills, K.L. (2014). Is adolescence a sensitive period for sociocultural processing? Annual Review of Psychology, 65, 187-207

Orben, A, Tomova, L & Blakemore, S-J. (2020). The effects of social deprivation on adolescent development and mental health. The Lancet Child & Adolescent Health

La lista completa delle pubblicazioni del mio laboratorio si può trovare qui: https://sites.google.com/site/blakemorelab/publications/peer-reviewed-papers"



Sul tema:

- Bambini e adolescenti tra i più esposti all’impatto indiretto della pandemia, Valigia Blu, 3 maggio 2020

Tornare a scuola ai tempi della COVID-19: bisogna considerare non solo i rischi sanitari ma anche quelli sociali e psicologici, Valigia Blu, 30 giugno 2020